Clubhouse-International-Logo-300x300.jpg
75 anni di esperienza nel costruire rinascite
Il Club Itaca Roma segue il modello internazionale di riabilitazione psichiatrica non clinica Clubhouse International, un modello concepito negli anni '40 negli Stati Uniti e continuamente migliorato e aggiornato fino ai nostri giorni.

Nel mondo esiste una rete di più di 350 centri come il Club Itaca Roma in cui vengono seguite le stesse linee guida - i 37 Standards - e in cui si respira la stessa atmosfera.

All'interno di una Clubhouse la riabilitazione avviene attraverso lo svolgimento quotidiano e routinario di attività reali e realmente necessarie al Club, aspetto fondamentale nella valorizzazione di chi le svolge e che rende i Soci/Utenti i veri protagonisti.

 

Possiamo definire una Clubhouse una Palestra di Lavoro: un ambiente semi-protetto in cui sperimentarsi, scegliere e - perchè no? -  sbagliare.

La missione del nostro modello è quella di aiutare persone con disagio mentale a uscire dal proprio isolamento, a tornare ad essere parte attiva della società e a trovare e mantenere un lavoro retribuito.

 

 Come si raggiunge tale obbiettivo?

Riacquisendo stima in sé stessi;

Abituandosi a scegliere autonomamente;

Avendo coscienza di sé e della propria patologia;

Adottando stili di vita salutari;

Coltivando relazioni sane;

Riabituandosi a ritmi di vita salutari;

Allenandosi a mantenere un lavoro retribuito.

 

Cosa vuol dire che al Club Itaca Roma si fa riabilitazione non clinica?

Vuol dire che all'interno del Club non è presente personale medico o terapeutico. Il percorso che si intraprende all'interno di una Clubhouse procede parallelamente al percorso di terapia portato avanti con psichiatri e psicoterapeuti.Nello svolgimento delle attività si viene affiancati dagli altri Soci Utenti e dallo Staff qualificato composto da professionisti esperti in relazione d'aiuto.La riabilitazione è incentrata sulla valorizzazione di tutto ciò che è la persona oltre all'aspetto patologico: capita spesso infatti che chi soffre di un disturbo mentale identifichi sé stesso (e venga identificato dagli altri) con la propria malattia.In una Clubhouse si lavora, sempre fianco a fianco, affinché ci si riconosca per le proprie qualità, abilità e attitudini, riducendo la propria malattia a solo una parte del sé che può rappresentare un carattere peculiare della persona e che va curato ma che comunque non sovrasta tutti gli altri aspetti della persona minimizzandola a una diagnosi.

DSC_0302.JPG
DSC_0022 (2).JPG
Gruppo Giardinieri 1.jpg
IMG_20210512_102229.jpg
Come funziona il Club